I consigli del Moosmair

Anneres, la nostra esperta di erbe officinali consiglia…

La natura ci regala tante cose buone. A noi il compito di riconoscerle ed apprezzarle. Anneres Ebenkofler, l’esperta di erbe del Naturhotel Moosmair, è convinta che quasi ogni pianta può essere utilizzata per tisane, tinture, creme o applicazioni. Con abilità e sapienza lavoriamo le erbe spontanee ed i fiori per preparare tè, miele, marmellate, sciroppi, grappe, chutney, creme e molto altro ancora. Tutto il meglio che la natura ha da offrire lo trovate nel nostro Arcana Shop proprio vicino alla reception.  

 

10 distillati a base di erbe officinali
Piccoli rimedi per la farmacia casalinga

Un tempo “i distillati a base di erbe officinali” fatti in casa erano presenti in ogni maso e si conservavano come tesori. Preparati secondo antichissime ricette di famiglia venivano (e vengono) utilizzati per proteggere lo stato di salute ed aiutare a recuperare il benessere in caso di malattia. In ogni pianta officinale, infatti, si nasconde un po’ di vitalità da considerare un “dono degli dei” per dar sollievo a tanti piccoli mali.

Genziana

Già nell’antichità si apprezzavano gli effetti benefici della genziana gialla che veniva usata per combattere febbre, emottisi, vermi ed anche la peste. Oggi la genziana gialla è ancora apprezzata per i suoi effetti benefici sullo stomaco – sia per stimolare l’appetito che per attenuare il senso di sazietà. La genziana è un rimedio molto efficace in caso di disturbi allo stomaco e cattiva digestione.

Pino mugo

Il pino mugo è un simbolo di longevità, resistenza e risurrezione. Il pino mugo trova applicazione nei casi di dolori reumatici e malattie polmonari. I nostri antenati lo utilizzavano anche come sedativo per la tosse e disturbi alla vescica ed ai reni. Inoltre stimola la circolazione e risulta efficace contro la debolezza generale.

Salvia

“Perché dovrebbe soffrire un uomo nel cui giardino cresce la salvia?” Ciò si chiedevano già i medici antichi. Si dice che la salvia possa aiutare a mantenere la fedeltà coniugale e così si appendono mazzetti di salvia sul letto o si pongono foglie sotto il cuscino. La salvia migliora l’aria, ha effetto antisettico per la bocca e la gola e lenisce il mal di gola.

Abete rosso

L’abete rosso calma le persone nervose e tese donando loro pace ed equilibrio. Fichte beruhigt nervöse und angespannte Menschen, schenkt ihnen Ruhe und Ausgeglichenheit. Già solo la sosta nei pressi di un abete rosso migliora la circolazione, tonifica i nervi e calma gli animi irascibili. L’abete pulisce ed apre le vie respiratorie. Rafforza e riscalda i polmoni e aiuta a respirare più profondamente.

Arnica

L’arnica montana è molto utile per curare ferite e per le sue proprietà emostatiche. Già gli antichi Germani veneravano l’arnica come pianta magica e medicinale ed ancora oggi la tintura di arnica non dovrebbe mai mancare nell’armadietto dei medicinali. Si può utilizzare per disinfettar le ferite, per contusioni e lividi, per frizionare le gambe stanche e per attenuare i crampi ai polpacci, per lombalgie e mal di schiena.

Iperico

L’iperico è una delle più belle piante eliofile penetrata/permeata dalla calda e luminosa forza del sole. Per la sua essenza luminosa è stata sempre considerata come una vera pianta magica in grado di allontanare il male e le tenebre. I nostri antenati non potevano assolutamente fare a meno di questa pianta sacra durante i festeggiamenti del solstizio d’estate.

Calendula

Nella tradizione contadina la calendula era considerata un grande profeta del meteo visto che, quando si avvicina un temporale, ripiega i suoi petali. Si tratta di una pianta da giardino molto amata perché fiorisce per tutta l’estate e, per questo, è anche considerata simbolo di longevità ed immortalità. La calendula ha effetto purificante, astringente, favorisce la circolazione sanguigna, la crescita di nuovo tessuto cutaneo e la guarigione delle ferite. Utilizzato spesso anche per vene varicose e capillari.

Timo

Il timo selvatico rinforza gli organi respiratori, è antispasmodico ed espettorante in caso di tosse e bronchite. Gli vengono attribuite anche proprietà antibatteriche e antifungine. Il suo nome si lega al coraggio e all’ardore e per questo il timo viene utilizzato per rinvigorire ed infondere coraggio.

Fiori di fieno

Nella medicina popolare i fiori di fieno vengono utilizzati per impacchi, applicazioni e bagni in caso di tensioni muscolari e come tonico nel caso di malattie da raffreddamento. Un cuscino caldo di fiori di fieno fa miracoli per i problemi polmonari, dolori muscolari o lombalgie. I fiori di fieno vengono dai pascoli d’alpeggio e contengono fino a 50 diverse erbe officinali.

Tè alle erbe

Il tè alle erbe lenisce e dona sollievo. Le diverse erbe vengono raccolte durante l’estate e seccate o lavorate con delicatezza. Un intero prato di montagna in una tazza!